Matèria 


Mario Cresci, Combinazioni provvisorie

Giugno 2020 - Ottobre 2020

PER: Matèria Gallery, Rome
COSA: Ufficio Stampa / PR

La prima personale di Mario Cresci in galleria vede come protagonisti due lavori storici dell’artista, raramente mostrati prima d’ora: Analogie e memoria (1980) e l’installazione Cronistorie(1970).
Mario Cresci è tra i primi autori italiani che, a partire dagli anni Sessanta, coniuga la cultura del progetto con la sperimentazione del linguaggio visivo attraverso un approccio “cross-disciplinare” che utilizza il disegno, la fotografia, il video, l’installazione, la performance, il site specific.

 





“Il fotografo guarda, coglie, costruisce l’immagine, l’artista invece sta dentro l’immagine, produce, entra nella materia. È una dimensione sensoriale totalmente diversa, come insegna Duchamp. L’arte è qualcosa che tocca tutto il pensiero”.

︎ Intervista a Mario Cresci di Manuela de Leonardis, Alias 18 luglio 2020

“Il lavoro di Mario Cresci, tutti i lavori di Mario Cresci partono da un elemento fondamentale: la ricerca, la curiosità, la sublime voglia di conoscere e di imparare, anche e soprattutto dalle opere e dalla memoria altrui. ”.

︎Francesca Orsi, Doppiozero 30 agosto 2020



ARTISTI
Mario Cresci
Some PRESS 
Artribune
exibart
Alias de Il Manifesto
Doppiozero

TESTO
Mauro Zanchi

FOTO
Roberto Apa

GRAFICA
David Mozzetta
Edoardo Visalli






Mark

   events management   press  communication  social management  brand positioning  copywriting   events management   press  communication  social management  brand positioning  copywriting